Isola d’Elba

08 Ago

Isola D’Elba/ Era un tavolo magico quello, sai?

Il diario, la stampante per le nostre istantanee. I giornali, quelli pensati per le attività e i colori. La nostra fedelissima barchetta di carta. La citronella, immancabile amica. Sai, era un tavolo magico quello. Sedute, ascoltavamo L. e G. cantare, S. strimpellare la sua chitarra, la campana, quella che ci ricordava di andare a mangiare, A. che ci chiedeva se il suo outfit fosse consono per la serata, E. che ogni tanto decideva di andare a camminare per il bosco, e noi lo riconoscevamo dallo...

23 Set

Isola d’Elba/ Camminare insieme

Di Giulia Dominici Se ripenso ai dieci giorni trascorsi alla Mammoletta le uniche due parole che mi vengono in mente sono: camminare insieme! Già, si cammina insieme sempre, sia col sorriso che, con gli occhi pieni di lacrime. La capacità che hanno i ragazzi nel farti sentire a casa è unica. Come delle nonne apprensive ti sistemano nel posto migliore con un piatto di pasta e un sorriso; e, proprio come le nonne, dopo cena, cominciano a raccontarsi. A raccontare di storie cominciate male...

21 Set

Isola d’Elba/ Affidarsi

di Lucia Magni Ho chiuso gli occhi e ho cominciato a dare una forma a quel pezzo di argilla. Prima solo con i polpastrelli, delicatamente ho accarezzato gli angoli di quel blocco informe. Poi ho cominciato a passarlo tra le mani, a percepirne la temperatura, la consistenza, ad immaginarmi le sue ombre, le sue luci. Infine, con decisione, ho affondato le dita nella forma e mi sono fidata delle mie sensazioni… Non sapevo cosa stesse nascendo tra le mie mani ma, senza spiegarmi il perché,...

16 Set

Isola d’Elba/ Il valore dell’affidarsi

Di Simona Di Gallo  “Tutti noi abbiamo un filo che ci lega a qualcuno (…) Spesso i fili si intrecciano l’uno con l’altro…” Un filo solo ma con tanti colori è stretto intorno al mio polso. All’inizio dell’attività non è stato facile da seguire e poi…perché dovrei farmi guidare da un filo? Quando l’attività è finita lo abbiamo guardato e ci siamo capiti senza dire niente. Diviso in due, esattamente a metà, una parte per te e una per me. Il filo che ora è al mio polso...

14 Set

Isola d’Elba/ Considero valore

di Veronica Pizzi “Considero valore tutte le ferite. Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe, tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi, provare gratitudine senza ricordare di che.” Erri de Luca Considero valore il viaggio che abbiamo fatto per venire da voi. Considero valore il tempo passato insieme. I giorni che sono volati e i giorni lenti. Considero valore alzarsi la mattina e vedere che in tenda non c’è quasi nessuno, se non Lucia e la piccola Cele che sono sempre...

09 Set

Isola d’Elba/ La bellezza della diversità

Di Daniela Cadeddu  Spesso le cose se non le vivi non le comprendi. Mi resta come sempre difficile farmi comprendere e raccontarmi. Quindi non saprei bene come riportarvi la centrifuga di emozioni, pensieri, sorrisi, lacrime, odori, suoni, sensazioni, parole, gesti, movimenti, che mi porto dentro dopo questa mia prima esperienza con Educatori Senza Frontiere. Non avevo la minima idea di cosa aspettarmi, avevo solo la consapevolezza che non sarei stata da sola. Che questa...

07 Set

Isola d’Elba/ Ho imparato da voi

Di Celeste Zurli Ho ascoltato me stessa. Mi sono messa in gioco. Ho fatto spazio alla passione che sento dentro. Ho rischiato. Mi sono buttata. Ho seguito la pancia. Sono atterrata in piedi. Mi ha portato da voi. Voi che siete giovani, ma già maturi. Voi che siete così ricchi, perché vi fate bastare poche cose: il pane del giorno prima, un giro d’olio sulle verdure, una partita a carte la sera, un bagno al mare, dieci sigarette. Voi che siete così uniti, perché sapete come ci...

03 Set

Isola d’Elba/ Un viaggio che resta

Di Carla Maria Clelia Gallo  Ci sono viaggi che non scegli e che durano anni e anni, e poi ci sono quei viaggi che scegli con consapevolezza e che, pur durando solo cinque giorni, restano per la vita. Il mio viaggio all’Elba è stato proprio questo: un viaggio di cinque giorni immerso nella vita, che resta per la vita. “Vita” è infatti la parola che porto con me nel mio bagaglio dopo quest’esperienza e “viva” è l’aggettivo che mi ha accompagnato durante ogni...