Honduras/ Camminare con il cielo che fa da cornice

foto matteo

Educatori Senza Frontiere 518

Dopo molti mesi dal viaggio in Honduras, Matteo è riuscito a raccontarci quello che ha vissuto. Scritto da Matteo Cortesi Non ho ancora scritto l’articolo di viaggio… forse per molti può essere una semplice dimenticanza o non voglia ma non è così.  Mi ritrovo qui a scrivere e a pensare e so che qualche mese dopo la mia laurea di Novembre partirò per il Madagascar per cinque mesi. E così, inevitabilmente, inizio a capire tante cose del viaggio in Honduras a Casa Juan Pablo II .

Honduras/ Il circo “Los ciclones”

circo

Educatori Senza Frontiere 983

Scritto da Davide Amendolia A casa Juan Pablo II il singolo giorno ne dura tre e le settimane durano poche ore. Io, Matteo, Salvatore, Lorenzo e Gianni ci siamo intrufolati in questo tempo che appartiene a Nico, a Nando, a Chino e ai loro ragazzi. Ragazzi che hanno tante storie diverse che mi incuriosiscono. Come una serie televisiva, ogni tanto ti raccontano una puntata, che il più delle volte lascia l’amaro in bocca.

Honduras/ Le storie e la vita

DSC_0322

Educatori Senza Frontiere 1280

Scritto da Chiara Pasquali Ci metto qualche giorno a capire dove sono, l’impatto con l’Honduras non mi sconvolge li per li, resto barricata dietro a quelle quattro incertezze che maschero da certezze per sentirmi forte. Ci pensa Raul a farmi capire dove sono e perché sono qui, ci riesce il primo giorno in cui cominciamo il laboratorio di autobiografia sulla nostra storia di vita. La consegna del lavoro è forte, una lettera ad una persona cara o a noi stessi dove abbiamo la possibilità di dirci o dire al nostro destinatario quello che ci fa paura, quei vissuti che non abbiamo la forza di affrontare, le scomode verità che ognuno di noi nasconde sotto il tappeto facendo finta che non esistano.

Honduras/ Questo non è un film

foto-articolo

Educatori Senza Frontiere 2028

Scritto da Giovanni Maria Agostino Ho vissuto a Casa Juan Pablo, un centro di riabilitazione per ragazzi tossicodipendenti nella città di El Paraiso, a sud dell’Honduras. Ragazzi coetanei, ragazzi come me. Ragazzi con un passato che sembra racchiudere solo dolori e sofferenze. Alcune delle loro storie sembrano dei film, e invece non lo sono: è tutto vero.

Honduras/ La strada del ritorno

foto articolo (1)

Educatori Senza Frontiere 1366

Scritto da Rossalla Ferrara Quando comincio un viaggio il giorno del ritorno mi sembra così lontano, eppure, ogni volta, mi accade che, quanto più quel giorno inesorabilmente si avvicina, tanto più il tempo pare accelerare la sua corsa e le ore sembrano accavallarsi, rendendo più difficile assaporare gli attimi, fissare i ricordi. Così, quando arriva il momento di rifare le valige, non mi sento mai pronta. Si agita dentro di me il bisogno di qualche giorno, alcune ore, persino pochi minuti in più per guardare ancora un paesaggio, ascoltare i suoni ormai noti, sentire ancora una volta sapori, odori, rubare un’altra emozione.

  • Viaggio in HONDURAS
  • ESF in RWANDA
  • Cammino ESF 2014